domenica, maggio 25, 2014

SuperDuper Hats - Opening New Lab



















photo: Meo

L'apertura del nuovo laporatorio/Showroom del trio SuperDuper era un appuntamento a cui non potevo mancare.
Meravigliosi cappelli e tutto quello che favorisce la loro creazione incorniciava la felice serata tra amici non che militanti del copricapo per eccellenza.
Matteo,Veronica, Ilaria.... Grazie Mille questo è per voi! Chiaramente altri scatti si presenteranno in futuro su meoutfit.com





sabato, maggio 24, 2014

Il Birrino del Ritorno


Le settimane lavorative sono sempre più tirate, il mondo al doppio della velocità, chilometri, paesaggi, città, facce si moltiplicano a dismisura, spesso come in questi giorni oltre al carico di lavoro che ti logora il fisico e la mente ci si mettono anche le brutte notizie che travolgono persone diventate amiche di chicchere e confidenze e di momenti spassionati rubati al duro lavoro.
L'idea che anche solo una di queste persone  con le quali condivido un lavoro che amo non sia più li ad accoglere il "Vetraio" per un infausto destino mi fa letteralmente perdere le brocca, eppure io sono quello che ha ben chiaro che la vita riserva sempre qualcosa di spiacevole, che questo mondo non è facile e che ci sono più spine che petali di rosa, ma maledetto me, non riesco ancora a farci il callo, continuo a cascarci, rimanendoci sempre malissimo.
Ieri sono tornato a casa dal mio giro che ancora c'era il sole, un mezzo miracolo per un trasfertista come me, quindi ho deciso di farmi una birretta al sole del tramonto, cercando di far riposare quel che resta della mio corpo stritolato, ammirando quello che di bello la vita mi offre, brindo a colei che sta lottando come un leone per tornare dalla sua famiglia, e perchè no a fare due chicchere anche con me.


domenica, maggio 11, 2014

Mamma Laura



Oggi è la Festa della Mamma, e molti, vista la preponderante era digitale , diffondono foto delle loro mamme recuperandole da cassetti e scatoloni.
Anche qui su Meolandia non ci sottraiamo a questa moda, che non volendo almeno diffonde un po di storia del costume e delle abitudini di questa bizzarra Italia.
Queste sono foto di mia madre Maria Laura a cavallo tra il 1956 ed il 1957, aveva 19 anni, ed era una donna di quelle che già portava i pantaloni e guidava moto che ora manco i maschi saprebbero accendere.
Ma come potete vedere non gli mancava la femminilità e l'atteggiarsi a diva del cinema, nonostante l'estrazione popolare e i pochi soldi in tasca.
La Laura (come tutti la chiamavano) che ho conosciuto io, per non più di una ventina d'anni, fisicamente era tutto un altro mondo, perché come molte mamme di quel tempo ne aveva passate veramente tante, più di quanto ne passino molte mamme adesso, o forse uguale, chi sa...
Comunque di sicuro non aveva perso la forza, la passione e la capacità di sorridere ad una vita tutt'atro che giusta verso i suoi confronti.
Memorabili sono se ramanzine che propinava alle sue amiche cinquantenni quando smettevano di curarsi per via del fisico che si era riposato dopo i figli o perché un mondo terribilmente maschilista le faceva sentire vecchie e inutili, da spicciolare con due di vent'anni o di venticinque... Lei tirava fuori dalla borsa uno dei sui rossetti rosa o rossi Avon e subito esclamava "vatti a tingere un po, che con codesto muso lavato chi t'ha a vedere", entravano nel suo negozio grigie o nere ed uscivano colorate e fiorite con spalline a tre piani come meravigliose bomboniere, uno spettacolo.
Memorabili erano anche gli sganassoni a ripetizione che mi a dato a tambur-battente, ma se dicessi che non me li meritavo farei un torto alla verità.
Se non fosse per le fotografie che come oggi riguardo, non ricorderei nemmeno il viso, fatta eccezione dei suoi impettinabili capelli biondo rossastri e dei suoi meravigliosi incisivi separati, si quelli che in questi ultimi anni hanno consacrato modelle di grido come Georgia May Jagger o Lindsay Wixson rigorosamente immortalate da Terry Richardson.

Comunque mia madre vive in una parte di me, nel mio carattere, nel mio non mollare mai, nel mio essere un Meoni ma anche un Giacomelli e sopratutto in quell'instancabile  modo di combattere le cose tristi che ogni giorno cercano di abbatterti, ossia ridere e gioire di quello che la vita ti offre.
Ancora oggi, mi capita di incontrare vecchie signore che l'hanno conosciuta, e dopo una chiaccherata alcune di loro esclamano cose del tipo "mi ricordi proprio tua madre" ed io le ringrazio abbracciandole.
Auguri Mamma, ovunque tu sia...

venerdì, maggio 09, 2014

Modena Visual Ramblers


photo: Meo

In questi giorni, Modena è stata invasa da Visual di estrazione Zariana, me compreso, per l'apertura del nuovo negozio (aperto oggi).
Ecco qua una bella foto di gruppo, scattata in una delle mitiche pause pranzo.
Ribattezzati per l'occasione Modena Visual Ramblers....



domenica, maggio 04, 2014

La mia YASHICA T5




photo: Meo

Vista e presa! Praticamente considerata un quasi rifiuto da dare via per pochi euro.
L'ho riscattata io, non potevo lasciarla al suo destino, per la storia che si porta dietro, grazie a Terry Richardson che me l'ha fatta diventare un mito, insieme a tutte le sue sorelle.

Mi darà delle grandi soddisfazioni anche se resterà solo un brillante soprammobile.

SONY-MINOLTA "La Rimpatriata"




photo: Meo

Capita di trovare in un mercatino, in una soffitta, in uno scatolone ai bordi della strada una vecchia cosa apparentemente inutile, al massimo ti costa qualche decina di euro, ma tu vedi in lei un'opportunità di riscattarsi dal dimenticatoio anche se in questo caso è una MINOLTA 7000 che forse non funzionerà mai, ma con se porta un figlio di nome "50mm 1:7" che visto la lungimiranza della mia amata SONY (portatrice sana della tradizione MINOLTA) è ancora utile per le future narrazioni di Meolandia...
facciamo un applauso alla nuova arrivata.