giovedì, settembre 13, 2007

sveglia donne!!!

questa sera potrei parlare di quello che ha detto Grillo al suo partecipatissimo V-day, o della questione meravigliosa dei tipi in pantaloni neri e maglia bianca che hanno comprato un'accesso all'università italiana per migliaia di euro, di questioni ce ne sono tante, i lava vetri, i parcheggiatori abusivi, il partito democratico...
ecco! quest'ultimo mi da il la per gridare SVEGLIA DONNE!!!
Io non ce la faccio a vedere un PD "preferivo Ulivo" ridotto a un massa di vecchi uomini che dicono di entrare in questo nuovo progetto per preparare il posto a donne e giovani politici.
io credevo in questo progetto, anni fa, quando mi ero rotto di votare il vecchio, ma il nuovo non arrivava mai.
ma ora tutti quello che lo volevano affondare lo spingono, e si aggregano a il fantomatico walter, comprese le donne DS e DL che si lamentano del poco spazio riservato a loro, ma stanno con Walter Veltroni, ma se una donna si candida, votatela, non sarete così inluse da pensare che saranno gli uomini a venire incontro alle vostre necessità.
io sono ancora molto indeciso se andare o no alle primarie di questo spauracchio di nuovo partito, ma se alla fine deciderò di farlo, il mio voto non può che essere pe Rosy Bindi,oltre ad essere donna, e pure l'unica che va un po' cotro corrente, l'unica che si è messa di traverso a questo uomo della notte bianca, colui che qualche tempo fa, dichiarò che se ne sarebbe andato in Affrica dopo il suo mandato da sindaco, e invecce "HO CAMBIATO IDEA"
In questi giorni mi sono ritrovato a leggere che persino La sindaca della mia città Sabrina Sergio Gori, e la boss della Margherita Pistoiese Caterina Bini, sono nella barca di Veltroni.. "Rosy la stimo molto, ma Veltroni porta avanti meglio i mie obbiettivi" che tradotto vuol dire" perferisco stare sul carro dei vincitori"
Io credo che le donne in italia dovrebbero cominciare a smettere di votare uomini, o almeno uomini che non voglino realmente aumentare la percentuale di donne nelle stanze dei bottoni.

meglio una Rosy oggi che un Walter domani

27 commenti:

Anonimo ha detto...

io penso che di politica continui a capire poco, caro meo.
come ti ho detto la notte della marcia per la giustizia, ti apprezzo per il modo "naif" in cui vivi la vita, per quella sorta di levità con cui misceli la tua "evidente e irrimediabile cialtronaggine" ad un certo gusto del bello, o del nuovo, cmq dell'originale.
ma di politica, mia caro meo, continui a capire poco, molto poco.
water veltroni o rosy sbrindi sono oramai anacronismi, manifestazioni di una politica agonizzante che rantola i suoi inutili versi di sirena per convincere i gonzi (gli ingenui, via) a precipitare in un paese falso, putrido, incapace di rilanciarsi, di pensare al prossimo (figurarsi di pensare alle donne o ai giovani).
svegliati meo!!!
il PD è marcio come un fantasma di stephen king.
risparmia i cinque euro delle primarie per una birra con gli amici.

Domenico

PS
apprezza il fatto che ho cercato di essere breve: l'ho fatto perchè hai detto che non riesci a leggere i miei "pipponi".

Jackie ha detto...

Sarà nuovo Mussi con quella faccia novecentesca, di un novecento delle fabbriche, della catena di montaggio, della lotta di classe. Gli anacronismi del pd sono nulla a confronto.

MEO ha detto...

io sono consapevole di capire poco di politica, infatti scrivo da profano e ingenuo. la politica italiana è molto marcia da destra a sinistra, e come dice il giaco, i mussi e i veltroni sono ugualmente stantii..
per quanto riguarda il confine del PD, io credo che l'unico candidato decente sia la Rory, spero vivamente che il Giaco la voti, e non si faccia imbrigliare dal finto giovinastro romano.

Anonimo ha detto...

il problema, come sai bene caro jack, non è mussi (comunque sostenitore di un partito socialista) quanto il sostenere il rigurgito restauratore cattolico-liberista-reazionario di uomini e donne -poche- pronti a passare sul cadavere delle conquiste degli anni settanta -divorzio e aborto, per fare due esempi-, incuranti, per far piacere alla Chiesa, della necessità di approfondire la ricerca scientifica, sprezzanti della disperazione di migliaia di precari che, grazie alla flessibilità voluta da questi signori che non hanno certo problemi di denaro, lavorano e lavorano per ottenere... niente! no, mi spiace, ma i vostri dalemaveltronibindilettaecompagniacantante ve li votate voi. fareste bene a svegliarvi: la gente non ne può più di strapagati incapaci o di furbi che fanno solo gli interessi dei potenti: guardate le primarie del PD: tutto già deciso, quadri di partito, zero donne (anche nella civilissima toscana), amministratori che hanno mandato la mente all'ammasso solo per qualche dollaro in più. in tanti l'hanno già capito. sveglia! D.

tizi ha detto...

Giusto...Pelosi docet ...POTERE ALLE DONNE!
Un caro saluto a uno dei miei blog preferiti!

MEO ha detto...

in politica non sarò molto ferrato, ma quando scrivo di essa, i commenti fioccano

Ely ha detto...

tutti con la Rosy.... abbasso Veltroni...

Marianna ha detto...

E secondo te il futuro delle donne in politica potrebbe arrivare con Rosy Bindi?

Primo... cavolo gente ma cos'è questo partito democratico? un nuovo centro sinistra unito..o una nuova D.C?

Rosy Bindi:

_ 1989 parlamentare europeo della Democrazia Cristiana

_ Partito popolare italiano

Questa cosa mi intristisce tantissimo, mi sembra già di vedere quello che sarà e la cosa non mi entusiasma.

Secondo... non so se hai mai letto un pò di interviste dell' On. Bindi, non si capisce mai bene da che parte stia e quali siano le sue idee, la frase che usa di più è ' Non sono d'accordo con bianco per questo motivo, però anche nero ha torto su quest'altro motivo'

E tu che cosa pensi ce lo vuoi dire...?
Non è chiara sulla fecondazione assistita, sulle coppie di fatto, sulla clonazione a scopo terapeutico...

Ed io dovrei dare la mia preferenza ad una donna così vicina alle correnti cattoliche e bigotte... con tutto il rispetto per lei che è senza dubbio molto in gamba e preparata, mi dispiace ma io sono di sinistra e su certi temi non ho nessun dubbio, anche se in questo periodo mi sto chiedendo cosa significhi essere di sinistra e se la sinistra in politica esista ancora...mmh

Non credo che le donne possano pensare di avere più spazio in politica votando una donna, primo perchè non ritengo che la donna sia una minoranza... e poi perchè credo che questo processo avverrà spontaneamente, per un semplice motivo, che la figura dell'uomo in questi anni è stata lettralmente schiacciata in maniera progressiva dalla donna, sia nel mondo del lavoro che nella vita privata, è una cosa che mi capita di vedere in moltissime situazioni... mentre la maggior parte degli uomini rimane a pocciare il latte materno fino a 40 anni, le donne si fanno il culo per ritagliarsi dei ruoli all'interno della società comandata da una classe dirigente maschilista ed ottusa...

Questo è ciò che penso.

MEO ha detto...

cara marianna.. credo che ti risponderò quì, e forse farò un post apposito.
1- Che La Rosy sia un ex democristiana non ce dubbio, una democristiana d'ok, non come certi rutelliani che si spacciano per bacia pile nonostante abbiano tirato la merda in piazza san pietro, è una persona a mio avviso scomoda nella sua coerenza, infatti è sempre stata digerita male in questo gruppo.
2- tutte le questioni che mi poni e che consideri di sinistra,io le sostengo da anni. sei così convinta che uno come Walter le porterà avanti???? se non mi sbaglio in questi ultimi anni non ha fatto molto per disturbare il vicinato, mentre la rosy è una che ha cercato di contrastare certe forzature anche se non proprio il linea con il suo animo cristiano.
3-io non capisco perchè le donne ds si sono fatte da parte, perchè non si sono candidate, perchè la Finocchiaro, la Melandri, la Bresso ecc hanno voluto solo fare la spalla ad uno che ha già promesso il posto di vice ad un altro uomo, Franceschini, che come scudo contro la chiesa e i bacchettoni mi sembra un pò morbido.
4- non so se lo sai, ma oggi si svolgono le selezioni o primarie per i candidati regionali e locali del pd, solo per la lista della rosy, questo ti pere di sinistra?
non farlo è di destra?

Forse questi motivi non sono sufficienti per far cambiare opinione a molti "sinistrorsi" ulivisti, ma se andate a votare per le primarie, considerate bene le scelte e le facce che sostengono il vostro candidato altrimenti potreste avere delle sorprese.

Anonimo ha detto...

allora non capisci! il problema non è la bindi, che vuole solo formare una forte corrente all'interno del PD di Veltroni, ma il PD!!! caro meo, sei uscito dalla politica di quarrata perchè ti faceva schifo il sistema, e adesso... appoggi il sistema??? per giunta nella sua forma maligna: la somma di ds e margherita. e le tue battaglie per i radicali, i gay, i precari, l'ambiente, i giovani? tutti vanno a farsi fottere??? allora perdo ogni speranza. D.

Jackie ha detto...

La differenza che c'è oggi tra un partito socialdemocratico europeo in vecchio stile e un partito nuovo, democratico ancorato saldamente ai valori del progressismo, di respiro internazionale è un po' come quella differenza che richiamava De Gregori in Bufalo Bill.
E' la differenza che corre tra bufalo e locomotiva.
La locomotiva ha la strada segnata, il bufalo può scartare di lato e cadere.
La locomotiva è il mezzo di trasporto del novecento, quello delle idee forti, dell'ordine mondiale stabilito a tavolino e conservato con la minaccia di guerra, delle socialdemocrazie europee, socialiste, lavoriste e con l'ago fisso sul welfare.
Insomma un mondo che non c'è più. Il carbone non è più un combustibile efficiente, viaggiare in aereo costa meno che viaggiare in treno, non c'è più un ordine mondiale, ce ne sono molti. Insomma ci vuole il bufalo, il quale può pure cadere, ma è in grado di correre su questi nuovi campi assolati del dopo-novecento.
Può cadere, certo. Ma è una testimonianza di esistenza della democrazia tra chi vuole un po' qualunquisticamente distruggere i partiti senza offrire una alternativa credibile di organizzazione della democrazia in senso partecipato e chi vuole trasformare la gestione la cosa pubblica in cosa non esattamente pubblica, quasi privata.
Si colloca lì, tra chi pensa che sia tutto da buttare, anche la forma partito costituzionalmente prevista, e chi pensa che la democrazia sia un limite posto ai propri legittimi interessi privati. Si colloca lì, poi è anche la principale forza progressista del nostro paese. Ma principalmente si colloca lì. E' questa la cosa importante, per chi ancora romanticamente prova sconcerto per il disinteresse diffuso che in questo paese c'è per una cosa così importante ( che certo non sarebbe educato distruggere) che è la politica.

Jackie ha detto...

Ovviamente nel pensare a questi processi non considero mai il ruolo di Mussi e del suo socialismo tascabile.

Jackie ha detto...

Un ruolo che credo sia quasi nullo.

Jackie ha detto...

Direi nullo.

Anonimo ha detto...

jack, mi spiace tu non fai testo in una discussione politica: tu difendi l'indifendibile non perchè ci credi, ma perchè ti conviene crederci. come dire: non sei più vergine. falla finita, e parla (agli amici) come mangi. io sono scappato dai ds, perchè mi vergognavo. tu non ti vergogni. allora tienitele, le tue privatizzazioni dell'acqua e dell'energia, che hanno decuplicato le tariffe di noi poveri stronzi. e tieniti il tuo rifiuto della modernità, in nome di un anacronistico neocattolicesimo ipocrita (pensa a rutelli!!!). e tieniti pure il tuo partito di corrotti, anche se non è tascabile ma elefantiaco. di socialismo non parlare più, perchè voi l'avete cinicamente abbandonato. d'alema e veltroni sono quelli della unipol e della bnl: altro che bufali e de gregori. vergogna! D. http://www.sinistrademocratica-pt.it/Members/woland/protagora-e-ozzy-osbourne

Jackie ha detto...

Caro Domenico due consigli.
1)Meno aggressività
2)Comincia a credere alle persone per quello che ti dicono.

Non dovevi associare il mio nome alla parola Convenienza.
Non farlo più.

Io non voglio credere che tu abbia cominciato a fare politica perché ti interessavano la posizione, i soldi e il potere...?!?!?
Voglio credere a quello che dici: ti interessano i valori, la politica, la sinistra, il socialismo...
Perché dovrei credere che tu hai fatto la tua scelta politica solo in funzione di un riposizionamento, perché le strade erano intasate?
Perché dovrei credere che se non fossero state intasate, le strade, oggi saresti un sostenitore tra i più accaniti della necessità storica del Pd?

Poi non mi parlare di CONVENIENZA. Mica mi sono raccomandato ad un amministratore per farmi assumere in una Publi?!?!
Dove sta la convenienza? Poi mica mi sono proposto di entrare in qualche lista elettorale per le primarie! Spiegalo ai lettori del Meo cosa intendi per convenienza.
Non vorrei fraintendessero.
Attenzione a dipingermi male.
Non c'è convenienza per me.
Ci sono solo idee.
E credimi la mattina non mi sveglio pensando a te che decidi se faccio testo o no in una discussione politica.
Attenzione! non dire enormità su di me. Pesa le parole

Jackie ha detto...

MA GUARDA CHE COMMENTO AGGRESSIVO E IDIOTA:

jack, mi spiace tu non fai testo in una discussione politica: tu difendi l'indifendibile non perchè ci credi, ma perchè ti conviene crederci. come dire: non sei più vergine. falla finita, e parla (agli amici) come mangi. io sono scappato dai ds, perchè mi vergognavo. tu non ti vergogni. allora tienitele, le tue privatizzazioni dell'acqua e dell'energia, che hanno decuplicato le tariffe di noi poveri stronzi. e tieniti il tuo rifiuto della modernità, in nome di un anacronistico neocattolicesimo ipocrita (pensa a rutelli!!!). e tieniti pure il tuo partito di corrotti, anche se non è tascabile ma elefantiaco. di socialismo non parlare più, perchè voi l'avete cinicamente abbandonato. d'alema e veltroni sono quelli della unipol e della bnl: altro che bufali e de gregori. vergogna! D.

COME SONO INCAZZATO.

Anonimo ha detto...

è inutile che ti incazzi: la convenienza cui faccio riferimento è quella di restare nei ds: tu resti nei ds, e quindi appoggi il pd, e quindi appoggi rutelli, veltroni, bindi. e quindi cogli ogni occasione per difendere un gruppo di indifendibili. è lecito, e io non ho detto che sia un reato. dico solo che tu, informato come sei e membro degli organismi dirigenti dei ds, sai benissimo quello che i ds e la margherita fanno e hanno fatto. o questo non si può dire? o non dovrei associare il tuo nome al partito di cui fai parte??? è un segreto?
come mai a pistoia, a quarrata, ovunque ds e margherita perdono voti? come mai la gente nelle piazze li odia?? bada, quelli di sinistra, mica quelli di destra. forse perchè, come me, si sente tradita? perchè d'alema criminalizza le persone che lo contestano? perchè non acconsente all'autorizzazione delle intercettazioni telefoniche tra lui e consorte e gli altri della vicendaccia unipol/bnl in tribunale? che è diverso da tutti i comuni mortali? questi che esiste l'articolo 3 della costituzione l'hanno proprio dimenticato. la gente non è mai antipolitica: la gente è politica.
veniamo alla tua "incazzatura". se nella parola convenienza hai visto altro rispetto ad una critica della tua appartenenza ai ds, sono fatti tuoi: i latini dicevano "excusatio non petita, accusatio manifesta": la scusa non richiesta è un'accusa manifesta. mi sembra tu abbia troppo la coda di paglia. l'aggressività è legata ai fatti o alle parole: io non ho detto "sei nelle publi ergo sei un ladro". io ho detto "sei nei ds, ergo difendi i ds, e se lo fai aprioristicamente (a prescindere) sapendo le colpe che hanno questo mi sembra eticamente discutibile".
"idiota", ad esempio, è un commento aggressivo; in quanto al credere alle persone, faresti TU bene a credere a quello che ti si dice e diceva: difendevi l'acqua privata, ed oggi anche i ds pensano a tornare alla gestione pubblica; gli inceneritori sono un pericolo, e oggi i ds si trovano con un cerino in mano; al sud la camorra gestisce intere regioni, anche quelle "comandate" dai ds, e a firenze domenici se la prende coi lavavetri; ai gay, ai malati terminali o a quelli che avrebbero bisogno di ricerca scientifica, alle donne sterili, a chi vuol divorziare ma non ha soldi per annullare il matrimonio con la sacra rota, ai preti che hanno hotel a cinque stelle ma non pagano l'ici ci pensa la margherita. i "compagnucci" d'alema fassino facevano affari con ricucci, alle spalle dei reati di aggiotaggio e insider trading e alla faccia dei poveri risparmiatori: a proposito, qualcosa dovresti sapere di borsa: ti risulta che si possa agire come si è agito nella vicenda unipol/bnl???
quindi, anche il tuo nome può essere associato a ciò che difendi, mi pare lapalissiano, e se ti dispiace questo non può riguardare una discussione. per le discussioni ci vogliono gli argomenti, le tesi, le prove.
in quanto alle mie convenienze, mi è stato offerto (dai ds) un posto di assessore, purchè la smettessi di rompere i coglioni, e me ne sono andato. potevo restare, e rubare, senza neppure crederci, 1300 euri al mese. fattelo raccontare dal meo. pensa un pò chi dovrebbe essere veramente incazzato per una così brillante carriera troncata prima di nascere.
D.

Anonimo ha detto...

PS.
anche per "gli uomini sterili" sono cazzi (!) se ci pensa la margherita.
cmq, tra "popoli" ci si intende.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2007/09_Settembre/16/grillo_show_anti_governo.shtml

Anonimo ha detto...

PPS
posto l'indirizzo completo.
D.
http://www.corriere.it/Primo_Piano/

Politica/2007/09_Settembre/16/

grillo_show_anti_governo.shtml

Jackie ha detto...

i "compagnucci" d'alema fassino facevano affari con ricucci, alle spalle dei reati di aggiotaggio e insider trading e alla faccia dei poveri risparmiatori

MA COSA STAI FARNETICANDO?

Allora chiariamo (o kiariamo come scriverei se fossi adolescente e avessi una smemoranda): Clementina Forleo ha chiesto una autorizzazione a procedere al parlamento per chi non è al momento indagato di Insider Trading e Aggiotaggio ma potrebbe esserlo dopo il placet del parlamento.
Quindi
D'Alema e Fassino non sono indagati al momento né per aggiotaggio né per insider trading
Il gip Clementina forleo ha fatto una richiesta giuridicamente sbagliata alla giunta.

L'ordinanza del gip, infatti, non attiene all'utilizzabilità delle fonti di prova nei confronti dei soggetti già indagati, ma si configura come un'improponibile richiesta di autorizzazione a procedere.

Ma questo tu lo sai e pensi di farci fessi.

Dimmi, se puoi provare, se c'è stato reato. Dimmi se puoi provarlo se c'è qualcuno tra D'Alema e Fassino che sia iscritto tra gli indagati per la questione Unipol-Bnl e le relative intercettazioni telefoniche.
Detto questo nelle loro memorie Fassino e D'Alema rimettono tutto al parlamento. E cosa dovevano fare ?


Acqua privata? E la legge Galli?
Cos'è privato la proprietà delle fonti di captazione o la gestione del servizio idrico integrato. E' importante che l'acqua sia un bene comune o deve essere anche il mezzo di trasporto e gestione dell'acqua gestito dal settore pubblico?
Se dici acqua privata ignori lo status giuridico del bene "acqua" nel nostro paese.
Ma anche questo lo sai... però mistifichi pensando di farci fessi.

"ma perchè ti conviene crederci"

hai detto cosi? no? non è offensivo? Cioè io sarei così biecamente servile e vigliacco da farmi una idea per convenienza? Io? che ho lavorato anni e anni alle feste, all'organizzazione del partito? E' dal 99 che sono iscritto... Si quando tu andavi al Torquemada o Happyland io facevo le feste dell'Unità.

Jackie ha detto...

Posto il link al testo della legge Galli

http://www.goriacqua.com/article/articleview/35/1/1

dove peraltro al primo articolo si dice che le acque sono PUBBLICHE

Anonimo ha detto...

adesso sono certo di aver toccato un nervo scoperto, visto che le tue argomentazioni sono veramente strumentali.

ma andiamo con ordine.

1) per i reati contestati ai ds fassino d’alema (ricordiamo: segretario e presidente dei ds): la unipol, società nell’orbita della sinistra, decide con il suo vertice (consorte) di acquisire bnl, banca almeno 5 volte più grande economicamente;
2) i soldi non ci sono, e consorte comincia a cercarli, utilizzando notizie RISERVATE ottenute da altri finanziari spietati (tra cui gli immobiliaristi, coppola, ricucci e fiorani-sì, quello in mutande da briatore) e dallo stesso governatore della banca d’italia, fazio a., e da molti politici DI ENTRAMBI GLI SCHIERAMENTI: per queste ragioni consorte ha già deciso di patteggiare e non solo lui
articolo - fonte La Repubblica:
"IL PATTEGGIAMENTO - Nella sintetica nota del Gip, la motivazione per la quale ha deciso di concedere il patteggiamento alla Bpi del dopo-Fiorani, e alla Bpl Suisse. Il gruppo ha versato 94 milioni di euro, ai quali si aggiungono 1,26 milioni di sanzioni pecuniarie (e 330 mila euro messi a disposizione dalla filiale della Popolare di Lodi a Milano) in un conto vincolato a favore del procedimento. Una cifra che, secondo la Forleo, costituirebbe un' "evidente ammissione da parte dell'istuto in questione dell'illiceità dell'operazione che si stava conducendo". "La disponibilità della Bpi ad ammettere l'illiceità della tentata scalata all'Antonveneta", scrive la Forleo, "si inserisce sicuramente nello spirito di rinnovamento dell'istituto e dunque nello sforzo dello stesso di recuperare in pieno, a tutti i livelli e in ogni comportamento, una cultura della legalità". E conclude: "prendendo così le distanze da chi tale cultura continua a rifiutare");

3) consorte (non voglio farla troppo lunga) telefona più volte a d’alema e fassino, per ottenere sostegno e altro (in una delle telefonate, ad esempio, consorte chiede a d’alema, in cambio dell’appoggio di un parlamentare dell’udc, di “accettare uno scambio ad un tavolo politico” proprio con quel parlamentare; in un’altra fassino chiede a consorte cosa dire ad abete (vicino alla margherita, presidente bnl, contrario all’acquisizione della bnl da parte di unipol;
4) molti ambienti vicini alle coop BOCCIANO l’operazione unipol/bnl, perché la ritengono rischiosa e eticamente discutibile: unicoop Firenze è contraria, monte dei paschi è contrario; politici come amato g. mettono in guardia i ds dai rischi di quel che fanno;
5) il resto, basta leggerlo negli articoli di travaglio e nell’ordinanza del gip clementina forleo (articoli come questo):
"CASO UNIPOL-BNL-DS, I PUNTINI SUGL’”I” di marco travaglio
Sul caso Unipol-Bnl-Ds, che qualche furbetto seguita a chiamare “caso Forleo” (inesistente), si continua a raccontare un sacco di frottole.
1)Si favolegga che la gip Clementina Forleo si sia spinta al di fuori delle propria orbita, “anticipando una sentenza di condanna”. Ma, che almeno due dei tre esponenti Ds sorpresi al telefono con Giovanni Consorte non siano stati semplici “tifosi” della scalata Unipol alla Bnl, ma ben di più e di peggio, non lo dice solo la Forleo: lo dicono anzitutto gli stessi D’Alema e Latorre al telefono con Consorte. Il 6 luglio 2006 Consorte ha il problema di accordarsi con il socio forte di Bnl, Francesco Gaetano Caltagirone, editore, costruttore, suocero di Casini e capofila dei “contropattisti” Ricucci, Coppola, Lonati, Statuto e Bonsignore. E dice a Latorre: “L'ingegnere (Caltagirone, ndr) e i suoi accoliti si sono defilati [...]. Io domani ho l'incontro con loro alle sei, alle otto ti chiamo e ti dico come va a finire”. Latorre, che in teoria sarebbe un parlamentare Ds e non un uomo d’affari, propone: “Ma che deve fare una telefonata Massimo (D'Alema, ndr) all'ingegnere (Caltagirone, ndr)?”. Consorte: “È meglio che Massimo fa una telefonata. Perché a questo punto se le cose non vengono fatte, si sa per colpa di chi”. L’indomani, puntualmente, Caltagirone e i contropattisti si accordano con Unipol. Missione compiuta. E’ “tifo” questo? E’ “informarsi”? O è partecipare a una scalata che i magistrati ritengono illecita (“disegno criminoso”), in quanto occulta, compiuta prima del lancio dell’Opa?
Qualche giorno dopo, 14 luglio 2005, D’Alema riparla con Consorte: “Ho parlato con Bonsignore, che dice cosa deve fare, uscire o restare un anno… Se vi serve resta (azionista della Bnl, ndr)… Evidentemente è interessato a latere in un tavolo politico”. Consorte:“Chiaro, nessuno fa niente per niente”. Ecco: trattare pacchetti azionari con un socio della Bnl come Vito Bonsignore, fra l’altro eurodeputato dell’Udc e pregiudicato per corruzione, in cambio di misteriosi e finora inspiegati “tavoli politici a latere” che cos’è? Tifare, informarsi, o partecipare – in palese conflitto d’interessi tra politica e affari - a una scalata che i giudici ritengono illegale in quanto occulta, compiuta prima del lancio dell’Opa?
2)Si favoleggia di un insanabile contrasto fra la Procura, che non ha iscritto i parlamentari Ds nel registro degli indagati, e la Gip che, “invadendo il campo” dei pm, li accusati di complicità in un “disegno criminoso”. Ma non c’è alcun contrasto tra gip e pm milanesi. L’ha detto il procuratore Francesco Greco, domenica scorsa, al Sole 24 ore: “La nostra scelta è stata di non far nulla nei confronti dei parlamentari (non iscriverne ancora nessuno sul registro degl’indagati, ndr) finchè le Camere non avessero dato l’autorizzazione a utilizzare le intercettazioni telefoniche che li riguardano. E da questo punto di vista la Forleo ci dà ragione”. Del resto, anche se pochi se ne sono accorti, nella richiesta di autorizzazione all’uso delle telefonate intercettate del caso Unipol-Bnl inoltrate dalla Procura alla gip Forleo il 10 luglio 2007 (a firma del pm Luigi Orsi), si legge che questa è finalizzata a indagare sull’“aggiotaggio manipolativo e informativo” commesso da “Consorte, Sacchetti, Cimbri, Fiorani e Boni (…) in concorso fra loro e con altri da identificare” perché “con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, attivavano una scalata occulta alla Bnl e compivano atti concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo dell’azione ordinaria della Bnl ed in particolare, mentre negavano reiteratamente e specificamente al mercato di condurre la scalata a Bnl, rastrellavano pacchetti di azioni Bnl (…), disponevano acquisti a nome e nell’interesse di altri soggetti ad essi collegati (…), e finalmente il 18 luglio 2005 coordinavano ed eseguivano i plurimi contratti in virtù dei quali veniva formalizzato il passaggio delle azioni già proprietà dei soci di Bnl definiti ‘contropattisti’ (Caltagirone, Coppola, Statuto, Lonati, Grazioni, Bonsignore) ai soggetti legati alla ‘cordata Unipol’ e rendevano pubblico il concerto che non si era costituito quel giorno, ma preesisteva quanto meno dalla metà di giugno 2005. Così provocavano una sensibile alterazione del prezzo dell’azione ordinaria della Bnl e ciò in ragione dell’effetto che detta occulta attività determinava in più direzioni (…): Fatti di aggiotaggio informativo (propalazione di notizie false) e manipolativo (negoziazioni sul mercato ordinario e dei blocchi della Borsa di Milano) consumato in Milano tra il 18 marzo ed il 18 luglio 2005 (…). Le fonti di prova che si sono sinteticamente rassegnate trovano decisivi riscontri nelle conversazioni telefoniche degli indagati, comprese quelle alle quali hanno preso parte membri del Parlamento. Ciò per la fondamentale ragione che le comunicazioni telefoniche intercettate cadono proprio nel corso del periodo in cui il reato di aggiotaggio ipotizzato si sta consumando (giugno-luglio 2005). Nel corso di queste conversazioni infatti l’indagato Consorte espone ai suoi interlocutori quello che sta facendo (…)”.
Ora, se le parole hanno un senso, i reati di aggiotaggio sono stati commessi “in concorso con altri da identificare”: e, visto che al telefono si è sempre in due, anche per i pm di Milano i possibili concorrenti nel “disegno criminoso” sono i parlamentari che parlano con Consorte. La Forleo non ha fatto altro che esplicitare questo concetto, spiegando al Parlamento perché quelle telefonate sono assolutamente necessarie per le indagini già avviate e per quelle ancora da avviare e chiarendo che, una volta autorizzate, le telefonate potranno essere usate anche contro i parlamentari interessati. Alcuni insigni giuristi scrivono che la Gip non poteva comunque “accusare” parlamentari non ancora indagati dalla Procura. Ma la Procura e la Gip ribattono di non aver ritenuto possibile indagare quei parlamentari, visto che le eventuali prove a loro carico, le uniche, sono contenute proprio nelle telefonate in questione: che, finchè il Parlamento non ne autorizzerà l’uso, sono inutilizzabili. Come se non esistessero. Se anche fosse vero che s’è sbagliato, lo si è fatto perché la legge Boato del 2003 che impone l’autorizzazione del Parlamento per qualunque telefonata intercettata in cui compaia la voce di un parlamentare, è una boiata pazzesca. Una “norma indecorosa, scritta coi piedi, grossolanamente invalida”, tant’è che “è facile previsione che tale sia dichiarata dalla Corte costituzionale”. Parola di Franco Cordero, principe dei processualisti italiani, su la Repubblica di ieri. Invece di prendersela con la Forleo, il Parlamento farebbe bene a non legiferare coi piedi. O comunque, dopo averlo fatto, a prendersela con se stesso. Marco Travaglio
25 Luglio 2007";

6) per quanto ci riguarda i politici NON POSSONO utilizzare informazioni riservate, perché devono tutelare i cittadini: giuridicamente si dice che il reato di fassino d’alema è IN RE: cioè è nel loro stesso comportamento, perché hanno fatto affari, per loro o per il loro partito, e non potevano né possono farlo, perchè RAPPRESENTANTI DEL POPOLO (questo lo dice anche la Costituzione Italiana, altro che far fessi);
7) l’ordinanza della forleo mi sembra ineccepibile, anche alla luce della legge boato, prodotta dal parlamento nel 2003 e votata da tutti i partiti, che richiede di motivare quando si devono utilizzare le intercettazioni dei parlamentari;
8) già la legge boato è discutibile in sé, perché impedisce l’utilizzo di materiale che riguarda i parlamentari e fornisce AGLI STESSI PARLAMENTARI il potere di accettare o meno di autoprocessarsi; cmq è una legge; quel che mi sembra incredibile e eticamente scorretto è che d’alema e fassino, che prima avevano detto che non si sarebbero opposti all’utilizzazione di tali intercettazioni, abbiano poi presentato una memoria AL PARLAMENTO che CHIEDE DI NON ACCONSENTIRE ALL’UTILIZZO DI TALI INTERCETTAZIONI! questo lo trovo scandaloso: se sei sicuro di non aver commesso un reato, allora fatti giudicare;
9) in relazione all’acqua, anche la gestione deve essere PUBBLICA. in toscana si sono raccolte 50.000 firme per far tornare l’acqua pubblica: la regione le ha CANCELLATE! dicevamo che la privatizzazione aveva fatto crescere le tariffe, a fronte di un servizio SCANDALOSO (mancanza d’acqua a pistoia qualche anno fa, acquedotto colabrodo, acqua inquinata, e servizi non forniti nelle zone dove non conviene a publiacqua, come a quarrata), mentre crescevano gli stipendi del presidente e dei consiglieri di amministrazione di publiacqua –oltre 100.000 euro per il presidente, noto affabulatore dei ds, che ha bussato ad ogni porta per ottenere il posto che ha. i ds prima hanno rigettato indignati queste accuse. poi agostino fragai ha detto che le tariffe erano alte; poi qualcun altro (dei ds) ha detto che effettivamente l’acqua è un bene tale che PER SUA NATURA DEVE ESSERE PUBBLICO: è, come dire, discutere della differenza stessa tra destra e sinistra in tema di privatizzare e render pubblico (non occorre che richiami M. Moore e il suo Sicko per spiegare quanto è importante, ad esempio, la sanità pubblica: ebbene per l’acqua e per l’energia è lo stesso, perché ne dipendono le sorti di tutti quanti. altro che privatizzare la cosa pubblica, come dici nei tuoi post, senza capire quanto sia grave la cosa.
10) proprio perché fai le feste dell’unità da tanto, sei RESPONSABILE di queste scelte sbagliate dei ds. non ne sei responsabile direttamente, ma non puoi esimerti dal denunciare quanto ANCHE TU VEDI CON I TUOI OCCHI: non sei forse tu quello che muove accuse ad ds, nelle loro riunioni? non sei tu che, nel tuo blog, chiedi un cambiamento dei ds? ebbene, dove è questo cambiamento, se tu per primo continui a difendere l’indifendibile? con argomenti fragilissimi poi. e poi basta con questa menata che tu sei da tanto nei ds: mi sembra la stessa filosofa per cui TU HAI IL PEDEGREE, e gli altri no. mi sembra la stessa filosofia per cui ALCUNI SONO Più UGUALI DEGLI ALTRI: spero che tu non l’abbia appresa da d’alema e fassino.
11) alla festa dell’unità IL POPOLO DEI DS HA APPLAUDITO GRILLO? chiediti come mai.
12) se non vedi cosa c'è di discutibile nel tuo comportamento, questa discussione è inutile. almeno non mi mettere nel mezzo: la rimozione è roba psicologica/patologica: roba su cui non sono esperto. io la mia decisione l'ho presa, e mi limito a dire quel che penso. e sulla tua difesa dei ds e del pd ho serissimi dubbi.

PS: ho lavorato dal 97 al 2003 negli studi legali come dottore in legge; almeno concedimi di sapere di cosa sto parlando.
guarda, non c’è difesa: sono marci!

PPS: io andavo al kama, alla baia e al cocoricò. qualche volta al faruk, alla canniccia e al seven.
D.

Jackie ha detto...

Non giudicherei un indagato. Figurati un non indagato. Non ci sono indagati, non ci sono sentenze (a differenza di Cuffaro ad esempio) Ci sono telefonate.
C'è D'Alema e c'è Fassino che si sono rimessi al parlamento. Vedremo. Per ora le tue sono congetture. Hai lavorato in uno studio e tu per primo dovresti sapere che non è come dici. NON CI SONO INDAGATI. Non ci sono reati.
Comunque se non dicevo questo restava quello che avevi detto furbescamente tu: avevi parlato di Aggiotaggio e Insider Trading, di affarucci in modo un po' confuso.
Sii sempre preciso.
Non ci sono reati, non ci sono indagati.

L.G.

Ps: non è che questi documenti li comprende solo chi lavora in uno studio. Sennò siamo finiti ciccio.

Comunque prenditi l'ultima risposta a questo mio post. Io non replicherò oltre.

Devi avere l'ultima parola per due motivi:

1) la tua anzianità ( e io la rispetto)

2) le origini borboniche (anche queste rispetto)

Salut!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

hai ragione: non è che se uno non lavora in uno studio legale non capisce niente di legge.
il problema è quando uno che studio diritto societario e economia (come te) non comprende nulla (o fa finta di non capire) di reati societari e di società miste pubblico/privato.

I REATI CI SONO: LI HANNO COMMESSI CONSORTE E FURBETTI.

altro che indagati: CI SONO CONDANNATI! INFATTI HANNO GIA' CHIESTO IL PATTEGGIAMENTO, che come tutti quelli che hanno studiato diritto sanno presuppone IL RICONOSCIMENTO DELLA PROPRIA REAPONSABILITA' PENALE!

IL GIP CHIEDE DI OTTENERE LE INTERCETTAZIONI DI D'ALEMA FASSINO PERCHE' PENSA CHE SIANO COMPLICI.

adesso cerca di seguirmi:

se conosco il contenuto delle intercettazioni e SO CHE D'ALEMA FASSINO OPERAVANO CON CONSORTE PER FACILITARE LA COMMISSIONE DEL REATO, COME FACCIO A PROCESSARLI SE IL PARLAMENTO NON MI AUTORIZZA???

e soprattutto:

il POLITICO HA, OLTRE AD UNA RESPONSABILITA' PENALE, UNA RESPONSABILITA' MORALE FORSE ANCORA PIU' IMPORTANTE??? deve fare gli interessi dei cittadini, che vanno in questo caso tutelati come risparmiatori, oppure no???

forse tu ti fidi di farti amministrare da un politico che fa affari. io no.

il PD è tutto questo: ci vuole una ventata di novità, in questa tombe ammuffite piene di cadaveri.
ma come può essere il PD una novità, se è composto dagli STESSI DI PRIMA???

bada che, per essere giovane come pensi di essere, sei un bel pò furbetto anche tu.
OPS furbetto è un sostantivo che non dovevo usare.

ti saluto anche io: vado a mangiare la ricotta con il cacao, una vecchia ricetta borbonica.
magari ti invito in discoteca: ne hanno di bellissime in borbonia, e forse potresti distrarti dalle troppe feste dell'unità.
D.

MEO ha detto...

credo che dopo questo accanito botta e risposta,sarò costretto a continuare a fare post sulla politica, visti i 25 commenti e passa, credo che sia il record di meolandia.
PRECISAZIONI:sono stato tirato in causa su una questione "potevo restare, e rubare, senza neppure crederci, 1300 euri al mese. fattelo raccontare dal meo."
io posso solo dire che questa cosa la so solo per sentito dire,per supposizioni o per racconti dell'interessato, io non ho e non ho mai avuto modo di avere info sui ds, e vista la mia posizione da scappato di casa nemmeno dalla margherita. suppongo visto l'andazzo che chi si piega al potere o allla corrente dominante in questa italia riceve più favori di altri.
ringraziando i duellanti per una serie di info dettagliate che hanno messo a disposizione degli utenti, vorrei provare a riportare la discussione alla sua originale motivazione:
io continuo a portare avanti nel mio piccolo le battagle che credo giuste come prima e forse più di prima, fregandomene della coerenza, (D. nirebbe che è il mio modo Naif di vivere la vita) o di sconcertare il prossimo, e quindi continuo ad essere con i radicali per l'ablizione della pena di morte, con l'associazione coscioni per la ricerca, con i preti che intendono il cristianesimo come lo intendo io, con grillo e i vaaffa su alcune questioni legate ai parlamentari, con le associazioni gay-lesbo-trans per tutte le questioni legate hai loro e diritti, cotro la chiesa attuale che si chiude a riccio ecc...
e anche con la questione PD che bene o male si colloca in una zona che a tutt'oggi ritengo la mia zona politica, quella in cui anni fa ho creduto, e che a tutt'oggi continua a sostenere anche se molti di quelli che ora ne fanno parte la stanna stravogendo, ma ci sono altre persone ancora degne, una di questa è la Rosy Bindi, fino a prova contraria, con cui domani sono pronto a discutere sulle questioni sopra citate per cercare di salire al miglior compromesso possibileò.

PS: ieri sono andato a votare le primarie della sua lista, "L'unica che lo ha fatto" che come sapete era divisa in schede una blu e una rosa, dove potevi dare 2 preferenze per ogni lista, io ho indicato solo due nomi in quella rosa perchè continuo a sostenere che gli uomini debbono fare qualche passo indietro a parire da me.

Marianna ha detto...

Volevo solo dire dopo questa furibonda discussione... anche se il mio commento avrà poco senso per i due duellanti, che con l'odio e la violenza sia fisica (anche se in questo caso non c'è stata) che verbale non si risolverà mai niente... Come diceva un saggio pensatore "Le cattive azioni rimangono a chi le fa" ed in questa sede sono volati giudizi pesanti... Tra l'altro credo che un blog sia il luogo meno opportuno per questo tipo di cose, dovrebbe essere un posto dove ci si scambiano opinioni, anche in maniera forte (io stessa l'ho fatto nel mio post), ma dove non si deve, a mio modesto parere mai scadere nell'aggressione personale, e questo vale per tutti e due
Tra l'altro io sono dell'idea che chi si ritiene di sinistra, a meno che non sia uno stalinista o maotzetunghiano, dovrebbe credere nei temi della pace e della tolleranza, e non nell'odio e nell'arroganza tipici di chi va in giro con il 'portachiavi del duce'...
Quindi inviterei entrambi... in un momento di lucidità... a chiedersi scusa, anche per una sorta di rispetto nei confronti del Meo...
e soprattutto nei confronti degli ideali che sono stati sventolati...

Peace&Love